Palermo Capitale della cultura 2018: ma i monumenti sono abbandonati

Dopo Mantova per il 2016 e Pistoia per il 2017 è la volta di Palermo la Capitale italiana della cultura del 2018. Una vittoria che porta alla città anche un milione di euro per la realizzazione del progetto presentato e l'esclusione delle risorse investite dal vincolo del patto di stabilità.

Palermo culla di civiltà e arti da secoli…soprattutto città dell’accoglienza e dei diritti. L’Italia non si fermerà a candidare città o comuni in qualità di Capitale della Cutura perché comuni in grado di essere Capitale, ce ne sono davvero infiniti. A Palermo però d’”Infinito” o d’incompiuto ne troviamo parecchio: spesso dimenticati dalle istituzioni, i monumenti abbandonati segnalati (attualmente ben oltre i 190 e in continua crescita) trovano il loro posto sulla mappa anche per fare in modo che gli occhi dei cittadini si posino su di loro con uno sguardo consapevole e non sfuggente.

L'iniziativa, di tracciare sulla mappa i monumenti abbandonati di Palermo, viene portata avanti da un gruppo apartitico chiamato Palermo indignata costituito da cittadini il cui unico ideale è quello di migliorare la loro città e trarre utilità da uno svantaggio facendolo diventare un opportunità per la collettività, proponendo una piccola e pacifica rivoluzione che possa arrivare attraverso la perseveranza e la tenacia dei piccoli ma significativi traguardi, come far conoscere attraverso visite guidate le bellezze artistiche dimenticate.

Segnalare i monumentii abbandonati a Palermo e dintorni è molto semplice: basta unirsi al gruppo Facebook I Monumenti Abbandonati di Palermo e postare la propria segnalazione, possibilmente pubblicando le foto e raccontandone la storia.

Se avete segnalazioni per monumenti abbandonati ci siamo anche noi: scriveteci a il giacimenti.culturali.iljournal@gmail.com

Se vuoi essere aggiornato sulle notizie dei nostri giacimenti culturali scarica l'App per Apple IlJournal.Today qui: